Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Migliori postatori
Admin
 
luca91
 
BBL
 
vincenzo521
 
dj_alin
 
suri
 

Dicembre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Calendario Calendario

Accedi

Ho dimenticato la password


Silent Hill: Homecoming

Andare in basso

Silent Hill: Homecoming

Messaggio  Admin il Gio Set 03, 2009 3:14 pm




Silent Hill: Homecoming (lett. Silent Hill: Ritorno a casa) è un videogioco survival horror sviluppato da Double Helix e prodotto da Konami. È il sesto episodio della serie di Silent Hill (contando l'uscita di Silent Hill: Origins). É stato rilasciato su PlayStation 3 e Xbox 360 negli USA a partire dal 30 Settembre 2008[1], mentre negli altri stati è stato rilasciato a fine Febbraio 2009[2], anche su Microsoft Windows e avrà delle distribuzioni digitali esclusivamente da Valve.

Modalità di gioco

Homecoming presenta un sistema di combattimento del tutto nuovo che sfrutta le capacità militari del protagonista Alex Shepherd grazie a un sistema di combo e schivate. Anche l'uso delle armi da fuoco è radicalmente cambiato e dalla mira automatica dei precedenti episodi adesso il protagonista dispone di mira manuale che ricorda vagamente Resident Evil 4. Tuttavia, la struttura del gioco è stata sviluppata affinché il giocatore tenda a non usare armi da fuoco nè all'obbligo di combattere a tutti i costi preferendo così la fuga.

Trama

Lo stile narrativo della storia è molto vicino a quello di Silent Hill 2, in cui le vicende del culto non sono propriamente al centro della scena, ma è la componente psicologica il fulcro del tutto.
Il prologo mostra Alex, il protagonista del gioco, legato ad una barella mentre un improbabile inserviente, con il camice imbrattato di sangue, lo trasporta lungo il buio corridoio di un ospedale. Alex sembra non capire cosa gli stia succedendo; rivolge domande all'inserviente, ma questi lo ignora. Accompagnato da immagini di tortura, Alex viene portato in una sala operatoria dove l'inserviente lo lascia, e va via. Il soldato allora ne approfitta per liberarsi dalle cinghie che lo legano alla barella. Inizia a vagare per le varie aree dell' ospedale finchè non si accorge della presenza di Joshua, il suo fratellino. Questi, dopo aver ricevuto in consegna un coniglietto di pezza (Robbie the Rabbit, la mascotte del Lakeside Amusement Park), sparisce. Alex gli corre dietro, ed entra in un ascensore: non riuscirà a finire la sua corsa, poichè dalle porte dell'ascensore fuoriesce una gigantesca lama che lo trafigge.
Alex si sveglia di soprassalto, allarmando Travis (il camionista protagonista di Silent Hill: Origins) che gli sta dando un passaggio fino al suo villagio natale, Sheperd's Glen. Sheperd's Glen è una cittadina vicina a Silent Hill, dove l'Ordine possiede diverse ramificazioni. Fu fondata da quattro famiglie: i Bartlett, gli Holloway, i Fitch e gli Sheperd, ognuna invischiata nelle misteriose vicende della città.
Tornato a casa, Alex trova la madre che, in stato confusionale, farfuglia frasi insensate che hanno a che fare con la sparizione di Joshua e Adam, suo padre. Non sapendo cosa fare, Alex si mette immediatamente alla loro ricerca. Ma si accorge ben presto che nella cittadina qualcosa non va.

I Personaggi

Alex Shepherd. Il protagonista. Un giovane soldato reduce della Guerra del Golfo, che ritornato al suo villaggio natale, prende atto della scomparsa del padre e del fratello, e si mette sulle loro tracce.
Joshua Shepherd. Il fratello minore di Alex, scomparso in seguito alla venuta degli adepti dell'Ordine.
Adam J. Shepherd. Il padre di Alex e lo sceriffo di Shepherd's Glen, un uomo dal carattere molto duro, si vedrà nel gioco poche volte, e per la maggior parte in flashback di Alex.
Lilian Shepherd. La madre di Alex, crollata in stato catatonico dopo la scomparsa del figlio minore, Joshua.
Elle Holloway. L'amica d'infanzia di Alex e la figlia del Giudice Holloway. Lo aiuterà nella ricerca dei bambini scomparsi.
Amy Holloway. La madre di Elle e il giudice della corte al tribunale di Shepherd's Glen.
Nora Holloway. La defunta figlia del Giudice Holloway, morta in circostanze misteriose.
Il signor Bartlett. Il sindaco di Shepherd's Glen.
Joey Bartlett. Il defunto figlio del Sindaco Bartlett, morto in circostnze misteriose.
Dr. Fitch. Uno dei pochi dottori presenti nella piccola comunità di Shepher's Glen, affetto da una endenze autolesioniste e suicide. Ha perso la figlia Scarlet, cui era molto affezionato.
Scarlet Fitch. La defunta figlia del Dr. Fitch, morta in circostanze misteriose.
Curtis Ackers. L'aggiustatutto di Sheperd's Glen, e collaboratore dell'Ordine.
Vice-sceriffo Wheeler. Il vice-sceriffo di Shepherd's Glen. Aiuterà Alex per una buona parte del gioco, grazie al suo potente fucile.
Travis Grady. Il protagonista di Silent Hill: Origins. Compare in un cameo nel filmato del prologo, dove dà un passaggio ad Alex fino a Shephed's Glen.
Le Creature [modifica]
Infermiere. Ritornano le infermiere del primo episodio della serie. I movimenti, le fattezze, le forme (decisamente prosperose) e le caratteristiche ricordano quelle del film. Sono armate di bisturi, e di un coltello sottile più in seguito, quando diverrano più aggressive. Sono attratte dalla luce della torcia di Alex. È il primo incontro di Alex nella città di Shepherd's Glen.
Feral. Simili nelle fattezze ai Groaner di Silent Hill. Più agili che mai, questi mostri dalle sembianze di cane daranno parecchio filo da torcere al soldato. Molto efficace il coltello, data la rapidità d'uso.
Swarm. Insetti molto fastidiosi, ma facilmente eliminabili. Nel caso che Alex non li elimini subito, questi insetti si attaccheranno al suo corpo, e gli consumeranno le energie come delle sanguisughe..
Lurker. Creature dalle forme umanoidi e dai lunghi artigli. Particolarmente rapidi ma deboli, preferiscono attaccare Alex da sott'acqua.
Smog. Questa creatura è una evoluzione del Lying Creature di Silent Hill 2 e di Silent Hill: Origins. Se non avete proiettili lasciate perdere, perché in un combattimento in mischia risultereste molto svantaggiati. Cercherà di soffocare Alex grazie al fumo tossico contenuto nei polmoni. Le armi da fuoco risultano molto più efficaci quando Smog apre i polmoni, poco prima di emettere il fumo tossico.
Needler. Simili a dei ragni, questi mostri hanno una difesa eccezionale e per sconfiggerli dovrete armarvi di accetta e cercare di colpirli lateralmente. Altrimenti, il punto più vulnerabile è la testa, da mirare con la pistola.
Shism. Queste creature, dalle fattezze simili a quelle di un pesce martello, sono decisamente pericolose. Alex ne avrà a che fare per la prima volta nel commissariato di Sheperd's Glen. La testa, suddivista in due sezioni, è affilata, e lo Shism la usa come una mannaia. Il modo migliore per ucciderli è usare il fucile o al limite l'accetta, schivando e colpendo.
Siam. Si può dire che questo mostro è il più pericoloso di tutti, visto che ha sia una potente agilità che una forza eccezionale. Se possibile è meglio preferire la fuga evitando lo scontro, vista la loro aggressività smisurata. Il modo migliore per ucciderlo è tenersi a distanza utilizzando armi da fuoco. Nel qual caso vogliate cimentarvi con accetta o tubo, sappiate che la parte femminile del Siam è molto più vulnerabile: i colpi alla schiena sono molto più efficaci.
Adepti dell'Ordine. Si suppone siano abitanti di Sheperd's Glen, hanno le stesse debolezze di Alex ma anche gli stessi vantaggi, infatti possono schivare gli attacchi e possono essere armati di tubo di ferro e fucili.

Boss

Sepulcher. Il primo boss che Alex dovrà sconfiggere. Attacca principalmente con le braccia, cercando di copire Alex con potenti pugni. Occasionalmento, una volta ogni 3 attacchi circa, Sepulcher sbatterà le mani in terra, facendo crollare pezzi di vetro sulla testa di Alex (attaco micidiale), quindi state pronti a schivarlo. Dopo aver distrutto le sacche di carne, ricordandosi che gli armadi offrono un riparo sicuro dai suoi pugni, Sepulcher cadrà a terra, a questo punto basterà colpire le sue braccia, rendendolo così vulnerabile ad ulteriori attacchi.
Scarlet. Il secondo boss del gioco e nientedimeno che la defunta figlia del Dr. Fitch, tramutatasi in un mostro dalle fattezze di una bambola. Essa è dotata di lunghe braccia, con le quali cercherà di abbattervi, per rendervi vulnerabili. Inoltre è dotata di una agilità inconsueta per i mostri di Silent Hill. Il modo più efficace di sconfiggerla è cercare di colpire ripetutamente le gambe, fino a quando non le toglierete tutta l'armatura di porcellana. Quando le avrete "spezzato" le gambe, Scarlet evolverà e passerà ad attaccarvi su 4 zampe, come i Needler. Come prima cercherà di sbilanciarvi con le zampe anteriori, inoltre Alex dovrà stare attento quando Scarlet si arrampicherà sul suffitto per piombare su di lui con un attacco devastante. Anche qui, per ucciderla saranno sufficienti controattacchi e schivate a volontà.
Asphyxia. Il terzo boss di questo Silent Hill. Rispetto a Scarlet è molto più goffo, anche se ha più attacchi. Infatti vi prenderà di mira con 4 attacchi consecutivi, 3 con le braccia ed uno con la coda. Il suo punto più debole e vulnerabile, ma soprattutto il più facile da colpire è la coda stessa. Poco dopo la sua sequenza di attacchi Alex dovrà essere abbastanza rapido da arrivare alla coda e colpire con la sua accetta.
Amnion. L'ultimo e sicuramente il più temibile di tutti i boss. Questa creatura è un misto tra un essere umano ed un ragno robotico: si presenta con il corpo di un essere umano, con una pancia spropositata, sorretta da 8 zampe robotiche. Inoltre il suo viso è "tagliato" in diverse sezioni. Attacca principalmente con le zampe anteriori, che si spostano in ogni direzione, come i Needler. Quando Alex si troverà di fronte a lui, Amnion cercherà di attaccarlo usando uno sputo di acido, prima orizzontale e, nelle fase successiva del duello, dall'alto; e con le due zampe anteriori. Quest'ultimo è un attacco potentissimo, ma maldestro: infatti sia che esso vada a segno o no, le zampe si pianteranno nel terreno e Amnion sarà vulnerabile ad ulteriori attacchi, anche ravvicinati, da parte di Alex. Per la prima fase del duello è consigliabile affrontarlo con pistola e fucile, mentre per la seconda fase (sfruttando l'attacco "maldestro") si può benissimo usare sia l'accetta, sia il tubo.
Uomo Nero. In realtà si tratta Pyramid Head di Silent Hill 2. Non lo si affronterà mai (fortunatamente), ma più volte incrocia il cammino di Alex nel corso della sua missione. É lui ad uccidere Alex nell'incubo iniziale, così come sarà lui a tagliare in due il padre di Alex.

Finali

I cinque finali di Silent Hill: Homecoming si ottengono in seguito a determinate scelte, effettuate durante la partita.
Good. Alex ed Elle si ritrovano in superficie, e decidono di ricostruire il loro rapporto di amicizia. Un lieto fine che però lascia parecchie cose della storia in sospeso. Per ottenerlo, è necessario uccidere la madre di Alex, e perdonare il padre nel confessionale.
In the water. Alex si risveglia dall'incubo nella vasca di casa propria, mentre stava facendo un bagno. Poco dopo entra il padre, lo afferra per il collo e lo spinge sott'acqua, annegandolo. La volontà del padre è stata quella di vendicare Joshua, ed adempiere alla proprio obbligo verso Sheperd's Glen. Per ottenerlo, è necessario uccidere la madre di Alex, ma non perdonare il padre nel confessionale.
Boogeyman. Alex si risveglia, costretto ad una sedia da una fune. Due Boogeyman intrappolano la sua testa in una grossa piramide metallica, facendo di Alex uno di loro. Per ottenerlo, è necessario non uccidere la madre di Alex, non perdonare il padre nel confessionale, e non salvare Wheeler.
Hospital. Alex si risveglia su di un lettino ospedaliero simile a quello visto nel filmato iniziale del gioco, ed è circondato da quattro "dottori", i quali infieriscono su di lui con un elettroshock. Probabilmente l'avventura di Alex è stata solo il frutto di un sogno. Per ottenerlo, è necessario non uccidere la madre di Alex, e perdonare il padre nel confessionale.
UFO. Alex ed Elle si ritrovano in superficie, ma all'improvviso un disco volante li solleverà da terra, portandoli via nello spazio. Wheeler, che vede tutto, non può far altro che imprecare. Per ottenerlo, è necessario non uccidere la madre di Alex, non perdonare il padre e salvare Wheeler.

Curiosità

Al pari dei suoi predecessori, anche in questo capitolo della serie è possibile sbloccare diversi costumi per personalizzare Alex durante la sua avventura. I costumi vengono assegnati sulla base dei finali ottenuti. Avremo infatti: Alex in maglietta e jeans neri; Alex vestito come Travis di Origins; Vice-Sceriffo Alex; Alex in divisa da chirurgo; Alex Membro dell'Ordine; Alex con il copricapo dell'Uomo Nero.
Terminando una partita a modalità Difficile, oppure in modalità Normale raccogliendo tutte le foto e i disegni, alla fine del filmato finale ci sarà una piccola scena extra, che mostra Joshua seduto sul suo letto, con in mano la sua macchina fotografica, che sorride e scatta una foto.


CODICE
megaupload.com/?f=FV2U18VI
avatar
Admin
Admin

Numero di messaggi : 776
Data d'iscrizione : 28.08.09
Età : 24

Visualizza il profilo http://bayastellare.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum